Tunnel of love

La paura di soffrire… Alla fine, il blocco per eccellenza a qualsiasi iniziativa “amorosa”.

Annunci
Tunnel of love

Fitz & The Tantrums

I Fitz & The Tantrums sono un gruppo che ho ascoltato quasi per sbaglio, ma che mi e’ piaciuto molto. Rimando alla pagina di Wikipedia per informazioni sulla loro storia e sui componenti.

La loro musica ha uno stile piuttosto insolito, in particolare rispetto ai miei standard, ciononostante alcune delle loro canzoni mi hanno colpito particolarmente (MoneyGrabber, Dear Mr. President, Don’t gotta work it out). Anche il loro look e’ “ok” per me (in particolare quello del cantante).

Riporto il video di MoneyGrabber, per due motivi: il primo e’ che e’ la loro canzone piu’ famosa; il secondo e’ che in questo si vede bene una delle caratteristiche piu’ divertenti di questa banda, ovvero la “arms dance” di Fitz (non e’ la prima volta che la volta che la vedo, ma e’ davvero esagerata!).

Fitz & The Tantrums

Alone without you – King

Riporto questa canzone dei King perche’, oltre che ad essere una delle mie preferite legate agli anni ’80, e’ legata a una storia particolare. L’ho ascoltata una volta tanti anni fa per radio, e le uniche parole che mi ricordavo erano “na na na na na na na na na na”, perche’ all’epoca non sapevo ancora bene l’inglese.

Ho provato a cercarla su internet, ma lascio immaginare quanto sia semplice cercare una canzone su Google quando le uniche parole che si ricordano sono “na na na na na na na na na na”. Per puro caso, ho avuto modo di riascoltarla alcune settimane addietro. Dopo aver compreso meglio le parole, ho riprovato a cercarla, ma niente (complice anche il fatto che esiste una canzone molto piu’ recente con lo stesso nome).

Insomma, non so come non so perche’, capito su questa pagina. Scorro la lista, che parte dall’ultima canzone e arriva alla prima. Una dopo l’altra, inizio a perdere la speranza di trovarla. E invece no: eccola la’, in quarta posizione.

Morale della favola: prima o dopo si trova sempre quello che si cerca. Purtroppo, possono passare anche anni nel mezzo.

Anche il video della canzone e’ piuttosto raro. Effetti speciali dal passato: il nastro riavvolto. Ma la parte piu’ epica e’ quando corrono in vespa uno di fianco all’altro (pericoloso, tra parentesi) e quello piu’ a sinistra inizia a saltellare sul motorino (minuto 2:50).

Alone without you – King

Tron Legacy e anni ’80

In Tron Legacy, sequel del film cult di tanti anni fa, c’e’ una “citazione” dei Journey. Quando infatti il protagonista fa visita alla sala giochi, e accende la corrente, in sottofondo parte “Separate Ways”. L’atmosfera ricorda proprio gli anni ’80, con i vari videogiochi in sala. Tra i momenti piu’ belli del film, in quanto rievoca lo spirito anche del prequel (i Journey avevano anche suonato per la colonna sonora del film originale).

Tanto per la cronaca, finita questa nel film parte “Sweet Dreams”, altro grande pezzo.

Tron Legacy e anni ’80

Caparezza e Tony Hadley

Grande ritorno del leader degli Spandau Ballet a fianco di Caparezza in “Goodbye malinconia”. Un’accoppiata alquanto bizzarra.

Lo stile di Caparezza e’ il solito, questa volta bersaglia la voglia di andarsene dall’Italia. Ma il pezzo forte e’ Tony Hadley: le sue inquadrature in primissimo piano mentre ti fissa, tanto da farti quasi venire voglia di girarti per vedere se c’e’ qualcuno dietro, ricordano tanto i video degli anni ’80.

La chicca poi e’ la parte finale, in cui guida il camion: “we had it all, fools we let it slip away/every step was out of place“.

Caparezza e Tony Hadley

RIP Charles Haddon – Ou Est Le Swimming Pool

Venerdì 20 agosto, Charles Haddon, il cantante degli “Ou Est Le Swimming Pool”, al centro nella foto sotto, ha scelto di suicidarsi.

E’ sempre difficile dire qualcosa sulla morte di un personaggio “famoso”, perchè raramente li si conosce di persona, eppure si sta male. Le emozioni suscitate dalla sua voce mi mancheranno: anche se non ho avuto la possibilità di conoscerlo di persona, per me resterà sempre il cantante degli Ou Est Le Swimming Pool.

Di lui ci restano le sue canzoni, anche se adesso versi come

my body seems to stop and freeze
stop!
well i just dance the way i feel
stop breathing
imagine none of this is real

da “Dance the way I feel” o una canzone come “Jackson’s Last Stand” assumono quasi un sapore beffardo.

Grazie per la tua musica.

RIP Charles Haddon – Ou Est Le Swimming Pool

Ou Est Le Swimming Pool

E’ ormai un po’ di tempo che gira il singolo di questo gruppo inglese, dal nome molto strano: “Dov’è la piscina?”, scritto mezzo in francese e mezzo in inglese. Si tratta della canzone “Dance The Way I Feel”, che con il suo sound anni ’80 rinnovato mi è piaciuta moltissimo.

Recentemente hanno rilasciato un altro singolo, “These New Knights”, e anche questo rievoca tipiche atmosfere anni ’80, anche nel video. Se queste sono le premesse, non vedo l’ora di poter ascoltare il loro primo album.

Ou Est Le Swimming Pool