Outlook.com/Hotmail/Live etc… fanno schifo. Punto.

UPDATE 2: Contrordine, continua a fare schifo. L’app per android continua a consumare uno sproposito (più del 30% di batteria). Inservibile.

 

UPDATE: Incidentalmente, due giorni dopo la pubblicazione di questo post è stato abilitato l’IMAP su Hotmail. Dovrei lamentarmi più spesso visti i risultati. Comunque, per curiosità ho anche provato nuovamente l’app di Outlook, che usa il protocollo EAS, e non sembra essere più il mangia-batterie di un anno fa. Il problema comunque si manifesta all’improvviso (come appunto un anno fa) anche a distanza di tempo dall’installazione dell’app, quindi non me la sento di dire che hanno risolto il problema. Resta inoltre aperto il problema dell’smtp tramite Gmail.

Possibile che nel 2013 possa esistere un servizio email che non supporta l’IMAP? La cui alternativa all’IMAP è lo scomodo POP3, o il “funzionalissimo” Exchange ActiveSync, che consuma batteria sul cellulare come gasolio su un truck americano, e che non è supportato da NESSUN client desktop?

E per chi vuole passare alla concorrenza, ecco un bel bug che mi sa tanto da concorrenza sleale: http://answers.microsoft.com/en-us/windowslive/forum/email/sending-mail-from-gmail-through-hotmail-smtp/fac2c3fd-58c5-4132-9b04-59838a65e839

Ed è aperto da quasi un anno! Senza contare le risposte degli addetti microsoft (la m merita di essere minuscola). Sembrano dei bot rimbecilliti. L’unica spiegazione è che siano dei mentecatti costretti a seguire delle istruzioni, senza nessuna reale competenza tecnica (o possibilità di fare qualcosa, nel migliore dei casi).

La migrazione a Gmail è già in atto.

Annunci
Outlook.com/Hotmail/Live etc… fanno schifo. Punto.

Zero Punctuation

Zero Punctuation è una serie di review molto brevi, da circa cinque minuti l’una, su alcuni dei videgiochi più famosi degli ultimi anni. Nata nel 2007 (rimando all’articolo su Wikipedia per la storia), le caratteristiche peculiari di queste recensioni sono la parlata molto rapida del recensore (da cui il nome “Zero Punctuation”), le animazioni molto semplici ma al tempo stesso incredibilmente divertenti e, dulcis in fundo, un sarcasmo tagliente sugli aspetti peggiori di ogni gioco.

Per osservare queste caratteristiche basta guardare ad esempio la recensione di Pokemon White:

Zero Punctuation

Server LAMP virtualizzato per sviluppatori

Di tanto in tanto mi va di provare a programmare qualcosina in php, giusto per non essere completamente a digiuno di tecnologie web.

Ho trovato che la soluzione migliore per farlo è quella di montare su VirtualBox un’immagine di Ubuntu server preconfigurata. In particolare mi sono trovato bene con questa (da Turnkey Linux).
Sullo stesso sito ci sono anche macchine virtuali preconfigurate con WordPress, Joomla e altri CMS.

Una volta “installata” la macchina virtuale, seguendo le istruzioni semplicissime, la si lascia andare in background e ci si connette dal sistema operativo host tramite Sftp (io uso Filezilla, ma anche fireFTP è comodo).

Così si può sviluppare direttamente nel proprio ambiente (che nel mio caso è Windows, ma può essere anche Linux) e con il proprio IDE, e poi caricare le modifiche sul “server”. E’ molto più comodo di installare una configurazione LAMP su Windows o mettere su Linux in dual boot.

Server LAMP virtualizzato per sviluppatori

MIT OpenCourseWare – Videolezioni gratuite

Il MIT, la famosa università americana del Massachussets, ha creato da un po’ di tempo un sito dove raccoglie una quantità incredibile di materiale didattico. Si tratta di interi corsi universitari, completi di video delle lezioni, esercizi, esami e appunti. Alcuni corsi sono più completi di altri, ma in ogni caso c’è tantissimo materiale.

Il sito è fatto  davvero bene, è semplice trovare il corso che serve dato che sono suddivisi per categorie, e sono stati creati anche percorsi per studenti “delle superiori”. Anche altre università, ad esempio quella di Stanford, pubblicano online video dei corsi, ma l’offerta del MIT lascia veramente al palo i concorrenti in quanto vastità del materiale.

Le lezioni da vedere assolutamente sono soprattutto quelle del professor Walter Lewin, che getisce 3 corsi di fisica. Le sue lezioni sono interessanti perchè ogni volta, e sottolineo ogni volta, riesce a infilare un esperimento spettacolare che vale da solo il prezzo del biglietto.

MIT OpenCourseWare – Videolezioni gratuite

Supporto tecnico – Come risolvere i problemi del proprio computer

Vagando su Internet mi sono imbattuto in un sito molto divertente: xkcd.com. La peculiarità di questo sito è quella di presentare delle vignette molto divertenti che hanno come temi l’informatica, il mondo dei computer, la matematica e molto altro ancora. Alcune sono particolarmente sottili, tanto da risultare persino difficili da capire. Sono però tutte in inglese.

Ciò che rende queste vignette irresistibili è la forza della parola, che sovrasta lo stile minimalista del disegno. A questo proposito voglio riportare una vignetta che mi ha molto divertito.

tech_support_cheat_sheet

Questo diagramma ha più di un fondo di verità: generalmente, quando qualcosa non funziona, si va per tentativi. Alcune persone, che non masticano molto di “informatica”, pensano che esistano dei guru, delle persone dai poteri sovrumani che conoscono tutto dei computer e che, in caso di errore, sanno sempre esattamente cosa fare.

In realtà, come sa ogni buon “local computer expert” (leggere: power user) , quando si deve risolvere un problema al computer la prima cosa da fare è usare il buon senso, cercando quelle che possono essere le cause più semplici del problema. Se la risposta non arriva nell’immediato (vedi sopra “pick one at random”), si va su Google e si cerca. Se anche quello non dà frutti, si chiama il supporto tecnico (“ask someone for help”).

E’ sbagliato pensare però che le persone al supporto tecnico siano onniscienti: anche loro usano il buon senso, sono semplicemente più competenti in un campo più specifico, di solito relativo all’applicazione con la quale si hanno dei problemi.

Qual è il succo di tutto ciò? Il succo è che non esiste nessuna “enciclopedia universale del computer”: ognuno si specializza nel campo che più gli interessa (programmazione, reti, Linux, Windows, editing video, audio etc…) ed ha un’infarinatura base di tutto il resto. Questo è il “local computer expert” del diagramma.

Supporto tecnico – Come risolvere i problemi del proprio computer

Le lezioni di fisica di Feynman

Ho scoperto solo recentemente che la Microsoft, con l’appoggio di Bill Gates, ha realizzato un sito dove si possono vedere le registrazioni delle lezioni che Richard Feynman ha condotto nel 1964 alla Cornell University.

Project Tuva” è il nome di questa iniziativa. I video in questione fanno parte del sito Microsoft Research, in quanto le lezioni sono trasmesse con l’ausilio di un nuovo player molto interessante in fase di test. Realizzato con la tecnologia Silverlight, il player permette di consultare i video per capitoli, di lasciare delle note, di vedere i sottotitoli, di avere un commento scritto da parte di esponenti autorevoli del mondo della scienza e inoltre visualizza dei contenuti extra lungo il corso del video, per approfondire ciò che Feynman accenna solamente (o dà per scontato).

Richard Feynman è stato un importante premio Nobel per la fisica, ma forse è più conosciuto proprio per queste lezioni che tenne negli anni 60. Il suo metodo di spiegazione è molto caratteristico: ironico, riesce, con metafore a volte ardite, a comunicare sempre almeno un’idea di quello che vuole trattare. Molte delle sue frasi sono diventate delle citazioni famose nel mondo della fisica, specialmente per quanto riguarda la meccanica quantistica.

feynman-2

Inutile dire che le lezioni sono una miniera di informazioni, da riguardare più e più volte. Il carisma di Feynman intolre rende piacevole trattare di argomenti molto complessi. D’altra parte però, i temi trattati sono veramente difficili. Le lezioni sono state anche raccolte in una serie di libri intitolata “Feynman Lectures on Physics“, che ampia notevolmente il contenuto delle lezioni sopra riportate, spaziando in tutto il mondo dela fisica.

Le lezioni di fisica di Feynman